domenica 19 febbraio 2017

Essere animali in Giappone : tra devozione e crudeltà


La popolazione giapponese ha un rapporto contradditorio con il mondo animale. Infatti se l'amore verso le creature evolve non di rado in devozione viceversa si tollera l'eliminazione brutale degli animali meno fortunati, quelli che conducono una vita randagia, mediante l'impiego delle camere a gas.
Per questa antitesi il settore del pet business in Giappone è un'industria fiorente che include cibo, articoli firmati ( ciotole, "guardaroba" e passeggini, trasportini, carrelli, ecc. ) wellness, fitness e beauty ( centri di toelettatura, massaggi, acquagym ) favoriti dall'esistenza di centri benessere per soli animali oltre a parchi a tema e locali ad essi riservati (hotel, ristoranti, caffè).
A cui si aggiungono i settori delle manifestazioni dedicate, della pubblicità, dei giochi per gli animali e per lo smartphone e dell'immancabile industria farmaceutica.
Ma se il numero degli animali accolti nelle abitazioni nipponiche continua a crescere avviene purtroppo lo stesso anche per quelli che rimangono senza dimora.
I giapponesi sono infatti abituati ad acquistare gli animali nei negozi, che vendono esclusivamente cuccioli. Esercizi dove i piccoli sono trattati come qualunque "merce" in vendita, modalità che applicata ad esseri viventi significa condizioni orribili. Cani, gatti e volatili alloggiano in gabbie di dimensioni esigue ed in condizioni igieniche inadeguate sottoposti a continuo stress per i frequenti prelievi e manipolazioni effettuati dai potenziali acquirenti.
L'aspetto più deleterio di questo commercio riguarda il prezzo dell'animale : estremamente elvato al suo arrivo in negozio cala sensibilmente con l'aumentare della sua permanenza all'interno dell'esercizio. E se l' "articolo " rimane invenduto per 6 mesi è eliminato consegnandolo ai centri di protezione per animali dove dopo 7 giorni, se non è stato nel frattempo adottato, viene ucciso nelle camere a gas.
Questa metodologia è di fatto accettata dal governo del Sol Levante e la commissione che attende alla salute degli animali pur ammettendo, in un suo documento, che l'uso del gas causa " patimenti e sofferenze intense agli animali" e che l'iniezione letale è molto meno dolorosa afferma che " l'utilizzo del gas per uccidere gli animali, non è raccomandato, ma allo stesso tempo è tollerato. "
La consuetudine di recarsi in negozi per acquistare un animale ha abituato i giapponesi a rivolgere la propria attenzione ai soli cuccioli e a non valutare l'ipotesi dell'adozione di un animale adulto.
Così in Giappone vengono soppressi circa 15.000 cuccioli all'anno con un totale di 383.000 animali la maggior parte dei quali sono gatti.
Perchè la normativa nipponica per i randagi e gli animali abbandonati, dopo un tentativo di adozione, prevede esclusivamente l'uso per la ricerca scientifica o la soppressione. E per risparmiare ( l'iniezione letale ha un costo decisamente superiore) si ricorre alla sopressione con CO2. L' uccisione con il diossido di carbonio è lenta ( l'agonia dura circa 15 minuti ) e dolorosa perchè provoca dispnea e iperventilazione.
Gli animali ammassati anche in 20 - 30 alla volta, prima del sopraggiungere dell'incoscienza, esprimono il terrore e la sofferenza gemendo e tentando invano e disperatamente la fuga. Ma questo tipo di gassazione è particolarmente economica ed efficace in quanto permette la contemporanea soppressione di molti animali. Mentre non è preso in considerazione l'uso del gas anestetico, che eliminerebbe la sofferenza fisica patimento, perchè richiederebbe un costoso dispositivo. Motivo per cui è utilizzato usato nella sola città di Shimonoseki, prefettura di Yamaguchi.
Così nell'indifferenza della società civile ancora oggi in Giappone, ma non solo (anche in USA è utilizzata la gassazione), si affronta e risolve il problema del randagismo esclusivamente mediante lo sterminio con il gas.
L'orribile pratica è stata rivelata dal documentario cinematografico di Motoharu Iida " Cani gatti e uomini" e da un video diffuso dal netwoork Fuji tv.
Ma il Giappone è anche uno dei Paesi nei quali è ancora diffusa la sperimentazione animale per testare pesticidi, diserbanti ed insetticidi. Prove attuate su cani di razza beagle costretti per un intero anno all'alimentazione con cibo addizionato con questi veleni nonostante sia stata disconosciuta l'efficacia di tali verifiche.



per APPROFONDIMENTI :


Post Argomenti correlati Etica e Diritti degli animali :


Bracconaggio e commercio di avorio : condanna storica in Tanzania

Uno sviluppo autenticamente sostenibile

L’incendio del Rifugio Italia di Andrea Cisternino in Ucraina

Soggetti di diritto

Emozioni o il sentimento animale

I diritti degli scimpanzé : la decisione a un giudice di New York

Diritti delle persone, diritti degli animali” conferenza su un tema importante

Il diritto di soggiorno degli animali negli ospedali

I diritti degli animali nella formazione universitaria

Le pratiche violente della produzione della lana negli allevamenti intensivi

Normativa sulla sperimentazione animale : il richiamo dell’Unione Europea all’Italia

Contro L’abbattimento delle volpi ( e dalla loro parte)

Non punibilità dei reati contro gli animali e depenalizzazione della caccia alle specie protette : sviste pericolose

Il business della violenza e del maltrattamento degli animali : dai combattimenti al traffico di cuccioli alle corse clandestine, un affare per criminalità ed individui senza scrupoli

Silver gatto speciale per intelligenza libertà ed autonomia

L’industria dei levrieri da corsa

Il finanziamento di AFM-Tèlèthon alla sperimentazione sui cani

Allevamento animali da pelliccia : confermati il divieti in Olanda e in Croazia

Rinviata l'approvazione del Piano per la conservazione e gestione del lupo


sabato 11 febbraio 2017

Ucciso dai bracconieri il lupo " Claudio" dotato di radiocollare


La nuova efferata uccisione di un lupo, impiegato nella ricerca sulle abitudini della specie e munito di collare con rilevatore Gps ( tagliato e ritrovato sotto un ponte del comune di Cessapalombo in provincia di Macerata ), dimostra che non vi è alcun bisogno di un piano di misure atte al suo contenimento, ma al contrario occorrono disposizioni per la tutela di questo animale. Già oggetto di una caccia accanita ed arbitraria che non necessita di essere legalizzata, ma semmai contrastata.
Consapevolezza sempre più diffusa tra la popolazione italiana come la mobilitazione a difesa del lupo ha dimostrato.
Mentre sarebbe invece auspicabile un ministro dell'Ambiente più attento alle problematiche della salvaguardia delle specie viventi e maggiormente corrispondente alla nuova sensibilità ambientale degli italiani.

Post Argomenti correlati La questione dell’animalità e l’attenzione verso il mondo animale :

Uno sviluppo autenticamente sostenibile

Imparare l'arte dell'empatia e della tolleranza

Come un cane ti cambia la vita

Triste conclusione della vicenda dell’orsa KJ2 : sarà rinchiusa o abbattuta

Industria ed allevamento degli animali da pelliccia

E’ legge l’impignorabilità degli animali domestici

Il brutale sfruttamento degli struzzi in Sud Africa

La responsabilità della bellezza

Della crudeltà verso gli animali : condanna per dipendenti ed allevatore di un macello in Spagna

La gaffe della griffe : l’addobbo dell’albero di Natale realizzato da Fendi con palline di vera pelliccia a Monaco di Baviera


Morte di un cacciatore : il veterinario Luciano Ponzetto deceduto durante l’attività venatoria


Il lupo tra caccia programmata e bracconaggio mentre l'ibrido tra pastore tedesco cecoslovacco e lupo è oggetto di un nuovo mercato








L'evasione di Atena e Rosetta mucche in cerca della libertà


C'è una petizione on line https://www.change.org/p/presidente-della-repubblica-sergio-mattarella-mucca-scappata-mucca-salvata  per sostenere la ricerca di libertà di due vitelle scappate nel settembre scorso mentre ad Alzate Brianza si svolgeva la Fiera Secolare.
Non è chiara la dinamica dell'evasione, che aveva coinvolto anche altri 4 bovini dei quali 1 risulta disperso mentre 3 sono stati ripresi, forse accaduta durante il trasporto o in conseguenza di un furto di bestiame.
In ogni caso da allora i due animali, inseparabili, vagano per le campagne di Brenna, Carugo ed Alzate Brianza. Accudite e rifocillate dagli abitanti locali da quando, per il freddo dell'inverno, l'erba ha cominciato a scarseggiare e loro si sono avvicinate alle case. Residenti che le hanno adottate chiedendo al sindaco un'ordinanza che ne vieti l'abbattimento. Mentre la Fattoria delle Coccole di Appiano Gentile si è resa disponibile ad accoglierle insieme agli altri 51 bovini sottratti al mattatoio che già ospitano.
Purtroppo il caso delle due manze è tuttaltro che isolato dal momento che sono moltissimi gli animali che fuggono nel corso delle operazioni di trasporto verso il macello, ma che vengono uccisi in quelle che si possono definire vere e proprie battute di caccia o riconsegnati agli allevatori per un nuovo ultimo viaggio verso la morte.


Post Argomenti correlati Benessere etologico :

Sterilizzazione di cani e gatti : rischi e vantaggi correlati

La salvaguardia delle rondini specie a rischio di estinzione

Circo con gli animali : spettacolo obsoleto basato sull’abuso

L’elevato costo dei farmaci ad uso veterinario